Termini e Condizioni | Aste 33

Termini e Condizioni

CONDIZIONI GENERALI PER LA PARTECIPAZIONE ALL’ASTA TELEMATICA DISPOSTA NELL’AMBITO DI PROCEDURA CONCORSUALE

1. PREVISIONI GENERALI

Ilotti di beni o il bene dianzi descritto vengono posti in vendita mediante asta telematica, cui si accede esclusivamente attraverso il sito www.aste33.com (“Portale”), ideato e realizzato da Aste 33 S.r.l., che ne è la proprietaria.

La partecipazione alla vendita comporta l’integrale adesione all’Avviso d’asta telematica (“Avviso di vendita”) e, dunque, alle presenti “Condizioni generali per la partecipazione all’asta telematica disposta nell’ambito di procedura concorsuale” (che di tale avviso fanno parte integrante), fatta salva ogni prescrizione di legge disciplinante le vendite nell’ambito delle procedure concorsuali. L’offerente, inoltre, dichiara di aver preso visione della perizia di stima relativa ai beni messi in vendita (“Perizia di stima”) – se ed in quanto pubblicata - e di averne attentamente esaminato il contenuto.

Alla vendita potrà concorrere chiunque, purché maggiorenne, tranne i soggetti cui, per legge, è fatto divieto di partecipare alla vendita disposta nell’ambito della procedura concorsuale sopra indicata.

Non sono dovute mediazioni né commissioni di qualsivoglia natura a soggetti terzi.

Delle aste telematiche viene data notizia mediante pubblicazione nel Portale, ove, oltre alla indicazione della data ed ora di svolgimento ed alla sintetica descrizione di quanto posto in vendita, sono pubblicati l’Avviso di vendita e, di norma, la Perizia di stima.

Aste 33 S.r.l., in caso di sopravvenuti problemi tecnici collegati al funzionamento del Portale e/o su richiesta degli organi della procedura concorsuale, si riserva la facoltà di annullare, sospendere, prolungare o interrompere l'asta telematica, con la precisazione che, in tali evenienze, non assume alcuna responsabilità nei confronti dei partecipanti all’asta, ad alcun titolo.

2. REGISTRAZIONE AL PORTALE HTTPS://WWW.ASTE33.COM E VERSAMENTO DELLA CAUZIONE

Ciascun interessato a partecipare alla gara e a formulare offerta/e irrevocabile/i di acquisto deve previamente effettuare la registrazione al Portale, utilizzando l’apposita funzione a ciò dedicata (salvo il caso in cui si tratti di utente già in precedenza registrato).

All’atto della registrazione, l’utente deve precisare il proprio profilo (persona fisica, persona giuridica, altro ente collettivo etc.), la propria e-mail o PEC e scegliere una password, caricando nel sito (a) un valido documento di identità (in caso di persona fisica) o la visura camerale aggiornata, al più tardi, al trentesimo giorno precedente la registrazione, oltre al documento di identità del legale rappresentante.

Dunque, l’utente registrato deve effettuare il login e versare una cauzione di importo pari al 10% del prezzo base indicato nella scheda sintetica relativa all’asta o nell’Avviso di Vendita, tramite PayPal, carta di credito (con addebito a carico dell’offerente delle commissioni applicate dalla banca, oltre all’importo fisso di € 0,35) o tramite bonifico bancario.

Il versamento tramite bonifico bancario può essere effettuato sul conto corrente BENEFICIARIO: Aste 33 S.r.l. IBAN: IT 72 L 02008 12012 000105186491 - SWIFT/BIC: UNCRITM1A12; nella relativa causale andranno indicati (i) il numero della procedura concorsuale di riferimento e/o il numero dell’ordine generato dal sistema, (ii) il lotto/bene di interesse e (iii) il Tribunale di competenza, nonché ulteriori informazioni, laddove espressamente richieste.

L’abilitazione alla partecipazione all’asta telematica verrà riconosciuta solo dopo l’accertamento dell’effettivo accredito della cauzione in conto corrente.

L’utente è responsabile della veridicità dei dati inseriti all’atto della registrazione ed è parimenti direttamente responsabile per tutti gli atti compiuti nell’utilizzo del Portale, attraverso le proprie credenziali, ferma l’espressa esenzione di Aste 33 S.r.l. e della procedura concorsuale da qualsiasi responsabilità per l’utilizzo abusivo da parte di terzi delle credenziali medesime.

L’utente, inoltre, nell’utilizzo del Portale e di tutte le sue funzioni, si impegna a rispettare le prescrizioni contenute nelle presenti condizioni, ad astenersi dal porre in essere comportamenti scorretti e/o illeciti, anzitutto in relazione alla partecipazione alle aste telematiche.

Aste 33 S.r.l., peraltro, si riserva la facoltà di rifiutare o revocare, a propria discrezione, la registrazione dell’utente, laddove questi abbia violato le regole di utilizzo del Portale qui descritte.

I dati inseriti dall’utente all’atto della registrazione saranno utilizzati nelle relazioni di Aste 33 S.r.l. inerenti all’esito delle aste e per la predisposizione delle fatture, con la precisazione che qualsiasi richiesta formulata al riguardo dall’utente successivamente all’aggiudicazione non potrà essere accolta.

3. CONDIZIONI DELLA VENDITA

Il partecipante all’asta telematica prende atto e riconosce che i beni vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, senza garanzia alcuna. La vendita, difatti, deve considerata forzosa, in quanto svolta nell’ambito di una procedura concorsuale, non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere risolta per alcun motivo.

La vendita, inoltre, avviene a corpo e non a misura, con esenzione della procedura concorsuale da qualsiasi contestazione circa la consistenza di quanto ceduto. È altresì esclusa la garanzia per vizi, sia palesi che occulti, sebbene non evidenziati in perizia, per mancanza di qualità o per difformità della cosa venduta, per oneri di qualsiasi natura a carico dell’aggiudicatario, anche se non evidenziati in perizia, con esclusione del diritto dell’aggiudicatario al riconoscimento di qualsiasi risarcimento, indennità o riduzione del prezzo.

Viene precisato, ancora, che è obbligo dell’aggiudicatario procedere - a propria cura e sostenendone ogni onere e rischio – alla messa a norma dei macchinari e delle attrezzature non conformi alle normative sulla sicurezza, anche qualora non marchiati CE; parimenti, ove la messa a norma non sia possibile, è a carico dell’aggiudicatario il successivo smaltimento nelle forme di legge, assumendo quest’ultimo tutte le responsabilità per un eventuale utilizzo abusivo.

Quanto ai beni immobili, data la natura forzosa della vendita, viene altresì precisato che tutti gli oneri ed i costi per l’eventuale sanatoria di abusi e/o irregolarità di qualsiasi natura rilevati – i quali non daranno comunque diritto ad alcun indennizzo, risarcimento e/o riduzione di prezzo - saranno a carico dell’aggiudicatario. Dunque, quest’ultimo assumerà ogni eventuale responsabilità e dovrà far fronte ad ogni obbligo previsti dalla Legge n. 47/85 nonché, a titolo esemplificativo e non esaustivo, dalle vigenti disposizioni in materia amministrativa, di sicurezza del lavoro, sanitaria, di prevenzione incendi, di tutela dell'atmosfera e delle acque dall'inquinamento, di tutela dall'inquinamento acustico e di smaltimento dei rifiuti, rinunciando altresì l'offerente a qualsiasi garanzia a tale riguardo della procedura di fallimento e della curatela.

4. ESAME DEI BENI IN VENDITA

La visione dei beni posti in vendita è fortemente consigliata per verificare la loro reale condizione, nonché allo scopo di verificare previamente tutti gli incombenti di natura logistica connessi all'asporto e/o al trasporto dei cespiti aggiudicati, in relazione ai quali Aste 33 S.r.l. declina qualsiasi di responsabilità.

La visione è consentita, gratuitamente e sempre prima dell’asta, previa richiesta formulata per iscritto ad Aste 33 S.r.l., tramite il portale www.aste33.com (nella sezione dedicata alla scheda del bene all’asta, è presente l’apposito form “Prenota una Visita”) o mezzo e-mail (all’indirizzo info@aste33.com). La richiesta deve essere necessariamente corredata del documento di identità valido del soggetto che eseguirà la visione; diversamente, non verrà evasa.

Gli orari e le date delle visite saranno stabiliti da Aste 33 S.r.l., a sua discrezione, e, salvo ipotesi particolari, in orari di ufficio (dalle ore 8:30 alle ore 18:30, nei giorni da lunedì a venerdì).

5. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL’ASTA TELEMATICA

Nel Portale sono pubblicate la data e l’ora di apertura e di fine dell’asta telematica relativa al lotto/bene posto in vendita (tali termini, quanto alla prima asta, sono anche precisati nel presente avviso d’asta).

Nella medesima sezione del Portale, oltre al prezzo base e l’offerta minima, se prevista (ovvero il prezzo minimo che è necessario offrire per partecipare alla gara), è precisato l’ammontare del rilancio minimo ammesso.

Dopo l’apertura della gara e per tutta la sua durata, ciascun partecipante ha facoltà di formulare la propria offerta irrevocabile di acquisto, esclusivamente attraverso le modalità precisate nel Portale. L’offerta perde efficacia quando è superata da una successiva offerta per un prezzo maggiore, purché almeno pari al prezzo della precedente offerta, maggiorato di importo corrispondente al rilancio minimo (difatti, sono ammessi rilanci nella misura minima o, a discrezione dell’offerente, in misura superiore).

Al superamento dell’offerta o dell’ultimo rilancio, ciascun partecipante riceve una e-mail e un avviso automatico (“alert”) che compare sullo schermo del dispositivo da cui è stato effettuato l’accesso (fermo restando che la mancata o tardiva ricezione dell’alert e/o dell’e-mail, imputabile a qualsiasi ragione tecnica, non pregiudica il regolare svolgimento della gara).

Il partecipante alla gara la cui offerta è superata ed ha, pertanto, perso efficacia può chiedere lo svincolo della cauzione versata; alternativamente, può mantenere la cauzione e formulare un’eventuale successiva offerta migliorativa, prima del termine della gara.

Qualora l’ultima offerta pervenga negli ultimi 3 (tre) minuti di durata della gara, la durata dell’asta verrà automaticamente prorogata, di volta in volta, per un ulteriore periodo di tempo di 3 (tre) minuti.

6. AGGIUDICAZIONE

Il lotto di beni o il bene posto in vendita verrà provvisoriamente aggiudicato a chi, tra i partecipanti all’asta telematica, avrà offerto il prezzo maggiore. Questi dovrà versare l’intero prezzo di aggiudicazione, al netto della cauzione versata (oltre ad eventuale IVA ed ulteriori oneri dipendenti dalla vendita, ivi comprese le spese di eventuale passaggio di proprietà, quanto ai beni mobili registrati), entro le ore 24.00 del giorno lavorativo successivo al termine della gara, tramite:

  • carta di credito (con addebito a carico dell’aggiudicatario della commissione applicata dalla banca, oltre all’importo fisso di € 0,35)

ovvero

  • bonifico bancario da accreditare sul conto corrente intestato ad Aste 33 S.r.l., alle seguenti coordinate IBAN: IT 72 L 02008 12012 000105186491 - SWIFT/BIC: UNCRITM1A12.

Ogni eventuale onere fiscale derivante dalla vendita, così come tutti gli eventuali costi dipendenti dalla vendita (ivi compresi i compensi notarili) sono posti definitivamente a carico dell’acquirente.

L’aggiudicazione, ancorché provvisoria, decadrà, laddove quest’ultimo non versi l’intero prezzo (e gli eventuali oneri accessori, di qualsiasi natura siccome calcolati e comunicati all’aggiudicatario) nel termine dianzi stabilito e salve diverse indicazioni provenienti dagli organi della procedura concorsuale, con la precisazione che, in caso di inadempimento a siffatto obbligo di pagamento, la procedura concorsuale che ha disposto la vendita sarà titolata a trattenere definitivamente la cauzione già versata, con facoltà di porre nuovamente in vendita il lotto di beni e/o il bene oggetto della aggiudicazione decaduta.

Nel caso di vendita di immobili (ed in ogni caso di vendita di diritti reali aventi ad oggetto immobili), la procedura concorsuale – tra le condizioni particolari della vendita che precedono - prevederà precisi termini e modalità di pagamento del prezzo di aggiudicazione e di trasferimento di quanto aggiudicato. Ciò significa che – anche in tal caso - l’aggiudicazione decadrà, laddove l’aggiudicatario non versi l’intero prezzo (e gli eventuali oneri accessori, di qualsiasi natura siccome calcolati e comunicati) o non dia seguito all’atto notarile di trasferimento nei termini stabiliti nell’avviso d’asta, con la conseguenza che la procedura concorsuale che ha disposto la vendita sarà titolata a trattenere definitivamente la cauzione già versata, con facoltà di porre nuovamente in vendita il lotto di beni e/o il bene oggetto della aggiudicazione decaduta.

7. APPLICAZIONE DEGLI ARTT.107 E 108 LEGGE FALLIMENTARE -SECONDA EVENTUALE ASTA

La vendita qui disciplinata è sottoposta alla condizione sospensiva unilaterale, e quindi stabilita nell’interesse esclusivo della procedura concorsuale, della mancanza di eventuali offerte migliorative che, ai sensi dell'art. 107 quarto comma Legge Fallimentare, dovessero pervenire al curatore, anche per il tramite di Aste 33 S.r.l.; fermo restando quanto previsto dall'art. 108, comma primo, Legge Fallimentare, in ordine ai poteri del giudice delegato di sospendere o impedire il perfezionamento della vendita.

Le offerte migliorative potranno essere presentate da qualunque interessato (anche qualora non abbia partecipato alla prima asta telematica), nel rispetto delle prescrizioni particolari dell’Avviso di vendita e con le modalità ivi previste.

In caso di valida presentazione di offerta/e migliorativa/e rispetto a quella che ha consentito l’aggiudicazione provvisoria (par. 6 che precede), l’aggiudicatario provvisorio sarà informato per iscritto del superamento dell’esito della prima asta telematica.

Sia il nuovo offerente (o i nuovi offerenti) che l’aggiudicatario provvisorio saranno informati per iscritto (tramite PEC ovvero, in difetto, tramite e-mail, all’indirizzo fornito in sede di registrazione o indicato nella offerta migliorativa) della nuova ed ultima sessione di asta telematica che si terrà esclusivamente tra loro, con contestuale trasmissione da parte di Aste 33 S.r.l. della relativa abilitazione.

Ciascun nuovo offerente sarà titolato a partecipare alla nuova (e ultima) asta telematica esclusivamente previa registrazione al Portale e versamento della cauzione in precedenza stabilita.

La nuova asta – che si terrà sempre secondo le modalità indicate al par. 5 che precede – si concluderà con l’aggiudicazione in favore del miglior offerente.

Anche tale aggiudicazione decadrà in caso di mancato versamento dell’intero prezzo, al netto della cauzione versata (e degli eventuali oneri accessori, di qualsiasi natura, siccome calcolati e comunicati all’aggiudicatario) entro le ore 24.00 del giorno lavorativo successivo al termine della gara, con la precisazione che, in caso di inadempimento a siffatto obbligo di pagamento, la procedura concorsuale che ha disposto la vendita sarà titolata a trattenere definitivamente la cauzione già versata, con facoltà di porre nuovamente in vendita il lotto di beni e/o il bene oggetto dell’aggiudicazione decaduta.

Viene altresì precisato che, laddove il nuovo aggiudicatario coincidesse con il precedente aggiudicatario provvisorio, questi dovrà provvedere unicamente al pagamento del saldo (al netto di quanto già versato in conseguenza della prima e provvisoria aggiudicazione). Diversamente, previo storno della fattura di vendita, gli verrà restituito l’importo versato in precedenza a titolo di prezzo (e di eventuali oneri accessori) nei termini e con le modalità di cui al par. 8 che segue.

8. RESTITUZIONE DELLA CAUZIONE

La restituzione della cauzione, in favore dei partecipanti alle aste che non siano risultati aggiudicatari, avverrà nei tempi e con le modalità qui precisate (con esclusione del riconoscimento di qualsivoglia interesse attivo a favore di chi l’abbia prestata):

  • laddove sia stata costituita a mezzo di carta di credito, il ripristino della relativa somma avverrà entro tre (3) giorni lavorativi successivi al termine della gara (con addebito all’offerente della commissione di € 0,77 fissi);
  • laddove la cauzione sia stata versata a mezzo bonifico bancario, Aste 33 S.r.l. procederà alla sua restituzione entro tre (3) giorni lavorativi successivi al termine della gara (con addebito all’offerente della commissione fissa di € 1,50).

La cauzione versata dall’aggiudicatario provvisorio a seguito della prima asta, che ha diritto di partecipare alla seconda asta (successiva ad eventuali offerte migliorative di cui al par. 7) ma che non sia risultato nuovamente aggiudicatario, verrà restituita nei termini anzidetti, decorrenti dalla chiusura della seconda asta, con applicazione dei medesimi addebiti per commissioni.

La cauzione versata dall’aggiudicatario definitivo, come spiegato ai paragrafi 6 e 7 che precedono, viene scomputata dal prezzo di aggiudicazione da versare (salva l’ipotesi in cui la procedura concorsuale abbia titolo per trattenerla, laddove l’aggiudicatario incorresse nell’inadempimento all’obbligo di pagare il prezzo).

9. CONSEGNA E RITIRO DEI BENI MOBILI AGGIUDICATI – PENALE

I beni saranno consegnati, salvo diverse indicazioni riportate all’interno dell’avviso di vendita, agli aggiudicatari solo dopo l’avvenuto integrale pagamento del prezzo, degli oneri fiscali e, sia nel caso di beni immobili che di beni mobili registrati, dell’avvenuto perfezionamento delle formalità relative al trasferimento di proprietà (sempre a spese e a cura dell’aggiudicatario); ai sensi e per gli effetti dell’art. 1193 c.c., è stabilito che qualunque somma versata (compresa la cauzione) sarà imputata prima alle spese e poi al prezzo del bene aggiudicato.

L’aggiudicatario è obbligato a provvedere al ritiro entro 5 (cinque) giorni lavorativi dal termine della gara o, nel caso di beni mobili registrati, dal compimento delle formalità per il trasferimento di proprietà, che devono iniziare tassativamente entro 5 (cinque) giorni dal termine della gara (sempre che, in tale ultimo caso, sia disponibile il provvedimento ex art. 108 Legge Fallimentare reso dal giudice delegato).

L'aggiudicatario, sotto la propria responsabilità, avrà facoltà di delegare al ritiro altro/i soggetto/i, purché nel rispetto dei termini anzidetti e sempre previa comunicazione per iscritto ad Aste 33 S.r.l. del nominativo del delegato (o dei delegati).

L’aggiudicatario (anche nel caso abbia incaricato uno o più delegati) è l’esclusivo responsabile delle operazioni di ritiro dei beni e risponderà, pertanto, di qualsiasi danno e/o perdita occorsi durante le operazioni medesime e di qualsiasi infortunio dovesse accadere al proprio personale delegato (in relazione al quale dovrà farsi carico di tutti gli accorgimenti previsti dalla legge in materia di salute e sicurezza sul lavoro), con esonero della procedura concorsuale e di Aste 33 S.r.l. da qualsivoglia responsabilità al riguardo.

L’aggiudicatario, nel caso di tardivo ritiro dei beni nei termini sopra indicati, sarà tenuto a pagare alla procedura concorsuale una penale giornaliera pari ad Euro 100,00, salvo comunque il risarcimento del maggior danno che il mancato o tardivo ritiro avesse cagionato (a titolo esemplificativo, qualora le spese di custodia dei beni aggiudicati, presso soggetti terzi, siano superiori a detta penale giornaliera).

Tale penale dovrà essere corrisposta prima del ritiro dei beni aggiudicati.

Qualora l’aggiudicatario non completi le operazioni di ritiro dei beni aggiudicati entro il termine di 30 (trenta) giorni lavorativi dal termine della gara o, nel caso di beni mobili registrati, dal compimento delle formalità per il trasferimento di proprietà, la procedura concorsuale avrà diritto di ritenzione sui beni medesimi ai sensi dell’art. 2756 terzo comma c.c. ed avrà diritto di procedere alla vendita ai sensi dell’art. 2797 c.c., con le seguenti precisazioni: (i) la vendita sarà affidata direttamente ad Aste 33 S.r.l., (ii) la vendita si svolgerà senza necessità di ricorrere al pubblico incanto e, dunque, anche a trattativa privata (o, in alternativa, a discrezione della procedura concorsuale, disponendo una nuova asta telematica), (iii) con esenzione della procedura concorsuale dalla notificazione a mezzo ufficiale giudiziario dell’intimazione di cui all’art. 2797 primo comma c.c. (essendo sufficiente unicamente l’intimazione a mezzo raccomandata a.r. o pec o con altro mezzo che assicuri la ricezione da parte del debitore), (iv) con facoltà della procedura concorsuale di trattenere dal ricavato della vendita importo pari alla penale – qui prevista - frattanto maturata, oltre ad importo pari al danno subito per effetto dell’attivazione della nuova procedura di vendita (ad esempio, i costi della nuova asta, i compensi di Aste 33 S.r.l. etc.), salvo il diritto al risarcimento del maggior danno subito dalla procedura concorsuale per effetto dell’inerzia dell’aggiudicatario.

Tali previsioni particolari vengono stabilite ai sensi dell’art. 2797 ultimo comma c.c. e valgono anche quale deroga alle restanti previsioni dello stesso art. 2797 c.c..

10. RESPONSABILITÀ

Aste 33 S.r.l. non è responsabile per i danni di qualsiasi natura (incluse perdite di profitto, spese legali e spese sostenute a qualsiasi altro titolo, anche per imposte sul valore aggiunto o equivalenti etc.) eventualmente subiti dall’utente a causa (i) dell’inosservanza o della mancata comprensione da parte dell’utente delle regole contenute nelle presenti “Condizioni generali per la partecipazione all’asta telematica disposta nell’ambito di procedura concorsuale” e nell’Avviso di vendita; (ii) dell’abusivo o scorretto utilizzo del Portale da parte dell’utente o dalla commissione di violazioni di legge tramite il Portale stesso; (iii) dall’uso illecito del Portale da parte di terzi e/o dalla diffusione di virus da parte di terzi tramite il Portale.

Aste 33 S.r.l., inoltre, declina ogni responsabilità per la mancata corrispondenza della descrizione, delle riproduzioni fotografiche e dei dettagli dei beni/lotti pubblicati nel Portale alle effettive caratteristiche dei beni messi in vendita, con esenzione della stessa Aste 33 S.r.l. da qualsiasi danno l’utente avesse a subire in tali casi.

Aste 33 S.r.l. non è responsabile di malfunzionamenti collegati all’utilizzo del Portale e/o all’impossibilità di accedervi da parte dell’utente, per causa non imputabile ad Aste 33 S.r.l. e/o in ragione di forza maggiore.

11. DISPOSIZIONI SPECIALI IN MATERIA DI IVA

Gli aggiudicatari che abbiano sede in paesi EXTRA UE e che si sono avvalsi dell’esenzione dal pagamento dell’IVA si impegnano ad esportare la merce entro 90 (novanta) giorni dall’emissione della fattura e a fornire tempestivamente prova dell’avvenuta esportazione ad Aste 33 S.r.l. (e/o alla curatela della procedura concorsuale).

È comunque facoltà di Aste 33 S.r.l. e della curatela pretendere comunque il pagamento dell’IVA da parte degli aggiudicatari extra UE, con impegno alla restituzione del relativo importo solo dopo il ricevimento di idonea documentazione attestante l’avvenuta esportazione in un paese extra UE entro il termine anzidetto.

In difetto di tale documentazione, l’IVA verrà trattenuta e versata secondo i termini di legge.

Aste 33 S.r.l. provvederà in via automatica all’invio delle note di pagamento addebitando l’IVA.

Coloro che intendano avvalersi del regime di esenzione previsto per gli esportatori abituali – sia con riferimento al corrispettivo dovuto a favore della procedura, sia per quello dovuto a favore di Aste 33 S.r.l. a titolo di commissione – dovranno preventivamente inviare la dichiarazione di intento e la correlata ricevuta di deposito rilasciata dall’Agenzia delle Entrate.

Aste 33 S.r.l., ricevuta detta documentazione almeno 2 (due) giorni prima all'iscrizione alla gara, verificherà l’avvenuto deposito della dichiarazione d’intento per il corrente periodo d’imposta e, successivamente, emetterà nuove note di pagamento, sostitutive delle precedenti, con esenzione da IVA.

Le aziende estere che intendono partecipare all’asta, in caso di aggiudicazione del lotto/i dovranno altresì far pervenire ad Aste 33 S.r.l. la visura camerale tradotta in italiano.

12. PASSAGGIO DI PROPRIETÀ E ALTRI ONERI CONCERNENTI I BENI MOBILI REGISTRATI

Come precisato anche al par. 6 che precede, qualora l’asta abbia ad oggetto beni mobili registrati, l’aggiudicatario dovrà farsi carico di tutti gli adempimenti e di tutti i costi del trasferimento della proprietà, ivi compresi quelli per la cancellazione della trascrizione della sentenza di fallimento (nel caso di avvenuta trascrizione) e di quelli per le cancellazioni di eventuali iscrizioni pregiudizievoli sui beni (fermi amministrativi) presso i registri competenti.

Qualora l’aggiudicatario lo richiedesse, Aste 33 S.r.l. potrà fornire l’indicazione del nominativo di un’agenzia di pratiche automobilistiche che opera nella zona di Treviso (TV), di comprovata efficienza ed affidabilità.

La vendita avviene con obbligo a carico e onere dell'aggiudicatario di accertamento della loro conformità alla normativa sulla sicurezza. Tutte le vendite effettuate tramite lo svolgimento delle aste sul sito www.aste33.com sono soggette alle prescrizioni del Codice civile relative alle vendite forzate.

In caso di insorgenza di eventuali contenziosi relativi all'interpretazione delle disposizioni contenute nelle condizioni generali e specifiche riportate sulla piattaforma, eventualmente tradotte in altre lingue, farà fede la versione italiana del testo.

13. Informativa Privacy - Ai sensi del D. Lgs n. 196/2003 (Codice Privacy)

Con la registrazione al Portale, l’utente autorizza Aste 33 S.r.l. al trattamento dei dati personali, nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 e secondo le previsioni della Privacy Policy sempre disponibile nel Portale al seguente link: https://www.aste33.com/privacy-policy/.

L’utente, inoltre, garantisce la correttezza e la completezza dei dati personali forniti al momento della registrazione, impegnandosi a comunicare ad Aste 33 S.r.l. ogni eventuale successiva modificazione.

14. LEGGE APPLICABILE E FORO COMPETENTE

La vendita all’asta disciplinata dalle presenti “Condizioni generali per la partecipazione all’asta telematica disposta nell’ambito di procedura concorsuale” e dell’Avviso di vendita, nonché ogni rapporto tra l’utente ed Aste 33 S.r.l. derivante dall’utilizzo del Portale sono disciplinati dalla legge italiana.

In caso di controversie riguardanti l’applicazione delle presenti “Condizioni generali per la partecipazione all’asta telematica disposta nell’ambito di procedura concorsuale”, sarà competente il foro di Treviso, ferma l’eventuale diversa competenza stabilita per legge.

Aste 33 S.r.l.