Documenti sui De Lazara, circa anno 1600 | Aste 33
9 gg

Documenti sui De Lazara, circa anno 1600

9 gg

Procedura 52/22 | Lotto n° 3

CATEGORIA

Antiquariato/collezionismo

LUOGO DI VENDITA

Telematica

Prezzo base
250,00€
Inizio gara telematica
10 ott 2022 - ore 10:00
Fine gara telematica
13 ott 2022 - ore 10:00
Gara telematica non ancora attiva

Per partecipare a questa asta telematica devi eseguire il login.

LOGIN
Descrizione
- Lettera di Giovanni de Lazara al figlio, circa 1662. Il padre aveva fatto entrare il figlio
Federico nei Cavalieri dell’ordine di Malta e gli scrive delle raccomandazioni su come
comportarsi con i suoi compagni;

- Documento stampato del 1665 in merito alle tasse del Palù Maggiore, terreno dei De
Lazara;

- Stampa che descrive la famiglia Lazara;

-...
- Lettera di Giovanni de Lazara al figlio, circa 1662. Il padre aveva fatto entrare il figlio
Federico nei Cavalieri dell’ordine di Malta e gli scrive delle raccomandazioni su come
comportarsi con i suoi compagni;

- Documento stampato del 1665 in merito alle tasse del Palù Maggiore, terreno dei De
Lazara;

- Stampa che descrive la famiglia Lazara;

- Lasciapassare sanitario dei conti De Lazara. Singolare documento in bianco con cui si
sarebbe attestato essere il detentore “libero d’ogni sospetto di mal contagioso”.
Probabilmente diffusa la curiosa modalità di individuazione del titolare a quei tempi:

“De Anni, Statura, Pelo e Barba”. In epigrafe vengono riportati tre sigilli: il Buon Pastore,
il Leone marciano in moeca e lo stemma della famiglia;

- Accompagnano il documento le matrici in legno originali dei primi due sigilli impressi;

- Inventario scritto a mano nel 1627, Padova;

- Scritto a mano con l’elenco di alcuni testamenti dal 1247 al 1476;

- Libro “Guardarsi da chi non si guarda. La Repubblica di Venezia e il controllo delle
pandemie” Nelli-Elena Vanzan Marchini.

- Lettera di Giovanni de Lazara al figlio, circa 1662. Il padre aveva fatto entrare il figlio
Federico nei Cavalieri dell’ordine di Malta e gli scrive delle raccomandazioni su come
comportarsi con i suoi compagni;

- Documento stampato del 1665 in merito alle tasse del Palù Maggiore, terreno dei De
Lazara;

- Stampa che descrive la famiglia Lazara;

- Lasciapassare sanitario dei conti De Lazara. Singolare documento in bianco con cui si
sarebbe attestato essere il detentore “libero d’ogni sospetto di mal contagioso”.
Probabilmente diffusa la curiosa modalità di individuazione del titolare a quei tempi:

“De Anni, Statura, Pelo e Barba”. In epigrafe vengono riportati tre sigilli: il Buon Pastore,
il Leone marciano in moeca e lo stemma della famiglia;

- Accompagnano il documento le matrici in legno originali dei primi due sigilli impressi;

- Inventario scritto a mano nel 1627, Padova;

- Scritto a mano con l’elenco di alcuni testamenti dal 1247 al 1476;

- Libro “Guardarsi da chi non si guarda. La Repubblica di Venezia e il controllo delle
pandemie” Nelli-Elena Vanzan Marchini.